La pioggia prima che cada – Jonathan Coe

la pioggia prima che cada_0

Ho la consapevolezza che sarà difficile, adesso, iniziare a leggere un nuovo libro. Perché capita sempre questo, dopo aver letto un libro stupendo. Io non so se lo è stato o lo sarà per tutti, ma lo è stato per me. Un concentrato di emozione. Dopo 20 righe ho capito che mi sarebbe piaciuto, lo capisci perché non vuoi chiuderlo mai, ti rode aver sonno oppure non averlo ma dover comunque dormire perché il giorno dopo la sveglia suona implacabilmente presto, e al lavoro ti vorrebbero pimpante, o comunque in grado di intendere, se non di volere.

La storia è semplice, direi, nella sua trama ed evoluzione. Una telefonata lo annuncia a Gill che sua zia Rosamond è morta nel suo amato e solitario cottage, nell’altrettanto amato Shropshire. E’ morta nella sua poltrona, accanto a lei un microfono, un registratore e quattro cassette piene della sua voce , con la raccomandazione di farle avere ad una certa Imogen. La misteriosa terza beneficiaria del testamento (oltre a Gill e suo fratello David) e’ però introvabile, quindi non resta che ascoltare le cassette… e Gill lo fa, insieme alle sue due figlie. Ed è insieme a queste tre donne che io mi sono sdraiato a terra, incantato, ad ascoltare la voce di Rosamond. La destinataria delle cassette, Imogen, è cieca dall’età di 3 anni. E Rosamond non si accontenta di raccontarle quello che racconta, vuole che Imogen VEDA il racconto stesso. E usa 20 fotografie, sceglie solo venti foto per coprire un racconto di una vita intera. E qui Coe è….fantastico…difficilmente ho letto una simile capacità… fa sentire, ad Imogen e a noi lettori, tutto…rumori, odori, sensazioni…luoghi…soprattutto le abitazioni, le stanze, gli oggetti…diventano cosa viva, si viaggia con la macchina del tempo, da una foto si arriva in una data precisa, a quel momento…
Ed è eccezionale la sua capacità di descrivere l’universo femminile in toto, con tutti i suoi sentimenti, che parli di una madre, di una nonna o di una bambina, fa lo stesso…questa è una storia tutta femminile…e l’amore….qui c’è una grande storia d’amore, descritta con eleganza, semplicità, grazia. Davanti a quella spiaggia, in quell’unico preciso istante, Coe mi ha colpito con parole bellissime, descrivendo il momento perfetto…e poi ci sono le conseguenze delle nostre scelte di vita. A volte quello che scegliamo non comporta conseguenze immediate. A volte le conseguenze dei nostri errori arrivano dopo anni, dopo tanti anni. Non è un romanzo denso di felicità. C’è tanta sofferenza, dolore, anche violenza. Soprattutto malinconia. Senso di inadeguatezza, spesso, se non sempre. È la vita che va così. Una serie di istantanee, di cui salvare solo qualcuna. Magari la felicità è tutta in quell’attimo sospeso, prima che la pioggia cada.

Musica: Us and them – Pink Floyd

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...