La mia famiglia sono io, Chandra Livia Candiani

“Mi sono marito mamma e cane
mi porto a passeggiare timida
in un gracile polveroso parco,
mi accompagno severa
a saldare i conti
del commercio umano,
mi tiro per la manica
se mi avvinghiano di chiacchiere
per non distrarmi dal grande amore
della solitudine
che mi aspetta premurosa a casa.
Sono la tazza di tè
preparata al mattino
vuoto che guarda il vuoto
pozzo profondo
nella torre più alta,
insieme a guardare la corrente,
nella sospensione del senso
delle prime luci senza faccende.
La sera mi sdraio con me intorno
e al fianco, mi tengo lievemente
al lenzuolo non stirato
al bordo dell’abisso della notte,
l’abbraccio che fa silenzio alla montagna,
ore che crollano con la grazia fasulla delle foglie.
Notte –
un fiume senza confluenza,
dice la verità, graffiando dà orientamento,
seguo la ferita appena nata i suoi bordi
come rotaia per la dignità del male,
una stella candida, polare.”
livia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...