Dona Flor e i suoi due mariti, di Jorge Amado

 

DONA FLOR

Flor, quanto ti abbiamo immaginata, sognata, desiderata.
Ma anche criticata, compatita.
Ma anche amata, invidiata.
Con il tuo sguardo “perso, che sembrava guardare dentro al proprio cuore”.
Con quegli occhi “pieni di languore”,
“al di là del tempo, come se intorno a lei non fossero esistite
lacrime di lutto né risa festose, ma soltanto solitudine”,
con la tua bellezza senza dimensione.

“Vadinho, pazzo e tiranno, fuoco e brezza”.
Vadinho, che lo ami e poi vorresti spaccargli la faccia.
Che vai con tutte, che la lasci sola la notte, che la maltratti,
che ti giochi anche le mutande,
che vivi di espedienti.
Ma che sorridi alla vita, che per te è sempre Carnevale,
e che per te Flor è la più bella donna del mondo,
che non ti stanchi mai di toccarla,
di possederla, di farla venir meno sotto i tuoi baci.

Perché quel letto di ferro è inutile e ghiacciato, senza di lui.
Perché la vita, senza di lui, è “un asfissiante pantano di fango”.
Senza di lui finito il divertimento, finita la sorpresa.
Senza di lui tutto è paccottiglia, presunzione, non vale la pena…

Poi Teodoro. Un altro uomo.
Un altro amore. Opposto.
La precisione, la meticolosità.
Ogni cosa al suo posto
L’adorazione assoluta.
Lui non ti tradisce, lui è tutto per te.
Lui non ti lascia, lui c’è sempre, su di lui puoi contare.
Lui non è una barcaccia che naviga in altri mari impetuosi
e non sai quando torna. Lui è una nave poderosa, massiccia,
sicura, ancorata al tuo porto.
Teodoro lo prendiamo un po’ in giro, sì, a volte è fastidioso.
La sua normalità senza mai una piccola follia diventa insopportabile.
La stabilità è un pregio, ma anche un difetto.
Ma Teodoro non merita le prese in giro,
Teodoro non merita di essere tradito.

Qual’è la strada per la felicità, Flor?
“La felicità non ha storia, con una vita felice non si può scrivere un romanzo.”

Ecco, la felicità è sorriso ed è pianto.
E’ vita e morte che si rincorrono, si alternano.
La felicità è sregolatezza e un posto sicuro dove tornare.
La felicità è avere due uomini insieme, due vite da far coincidere.
La felicità è la ricchezza, ma anche la povertà.
E’ nell’avere, ma anche nel dare.
La felicità è Bahia, le sue strade, i suoi balli,
i suoi canti, la sua miseria, i suoi truffatori,
le vicine di casa pettegole e cattive, le amiche che ti amano,
la generosità, la gente che ti sta accanto sempre,
il gioco d’azzardo, e soprattutto il sesso, che è il vero gioco,
come il cibo,
che si deve vivere senza mortificazioni, liberi, gioiosi,
senza colpe.
E soprattutto è nell’accettarci per come siamo,
imperfetti, contraddittori, umani.
E anche accettare di chiudere questo libro con un sorriso sulle labbra
e un pizzico di malinconia.

...un’ amore così grande che resiste oltre la vita disastrosa, così grande, che, dopo di non essere, sono tornato ad esistere, e sono qua. Per darti gioia, sofferenza e godimento., sono qui. Ma non per restarti accanto, essere la tua compagnia […]per questo no, amore mio. Questo è compito del mio nobile collega di letto…..e migliore di lui non ne troverai…io sono il marito della povera dona Flor, colui che viene a risvegliare la tua ansia, a mordere il tuo desiderio, nascosti nel fondo del tuo essere, dietro al tuo ritegno…lui si occupa della tua virtù, del tuo onore, del tuo rispetto…lui è il tuo volto mattutino, io sono la tua notte, l’ amante di fronte al quale non hai né possibilità di fuga, né forza. Siamo i tuoi due mariti, i tuoi due volti, il tuo sì e la tua negazione. Per essere felice hai bisogno di tutti e due. Quando eri sola con me, avevi il mio amore ma ti mancava tutto, e quanto soffrivi! Poi avesti solo lui: avevi tutto, non ti mancava nulla, e soffrivi ancora di più. Ora, si, sei dona Flor intera, come devi essere……

Musica: O que será (A flor da terra) – Chico Buarque

Annunci

4 pensieri su “Dona Flor e i suoi due mariti, di Jorge Amado

  1. Lalla Lilli ha detto:

    Leggere la tua recensione, mi ha risvegliato le sensazioni forti che provai quando lo lessi.
    Lo rileggero’, perché è un libro che va riletto e riassaporato.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...